giovedì 21 maggio 2015

Il Parlamento Ue discute sulla Convenzione ONU sui disabili

Nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha organizzato un'audizione pubblica con i rappresentanti del movimento dei disabili europei e delle altre Istituzioni Ue. Lo scopo dell'incontro è stato quello di discutere lo stato di avanzamento dell'applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPPD) da parte dell'Unione europea.
parlamento ue
Nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha organizzato un'audizione pubblica con i rappresentanti del movimento dei disabili europei e delle altre Istituzioni Ue. Lo scopo dell'incontro è stato quello di discutere lo stato di avanzamento dell'applicazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPPD) da parte dell'Unione europea, le sfide future e le osservazioni formulate dal Comitato CRPD sul lavoro che l'Ue ha fatto fino ad ora.
L'audizione aveva anche l'obiettivo di raccogliere le opinioni delle persone con disabilità e delle loro organizzazioni in vista del dibattito e dell'adozione di una risoluzione durante la sessione plenaria del Parlamento Ue di questa settimana proprio sulla Convenzione ONU.
L'iniziativa è stata salutata con favore dalle principali organizzazioni a tutela dei diritti dei disabili secondo le quali è necessario che l'Unione europea abbia un dialogo strutturale permanente con le persone con disabilità attraverso le loro organizzazioni rappresentative. Il pieno rispetto dell'articolo 4.3 della Convenzione delle Nazioni Unite che prevede concretamente il coinvolgimento di persone con disabilità attraverso le loro organizzazioni rappresentative è una condizione centrale per un'efficace attuazione della Convenzione stesa.
L'audizione è stata organizzata dall'eurodeputata Helga Stevens, in collaborazione con i deputati: Adam Kosa, Richard Howitt, Rosa Estaras, e Marian Harkin. Tutti membri dell'Intergruppo Disabilità del Parlamento europeo.
I deputati di Bruxelles hanno sottolineato che la revisione della strategia europea sulla disabilità (European Disability Strategy) dovrebbe concentrarsi sull'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite. Essi hanno inoltre riconosciuto la necessità di un miglior coordinamento tra le Istituzioni dell'Ue e la necessità di coinvolgere pienamente e consultare le organizzazioni delle persone con disabilità.